Tel: + 39 0434.611232
Servizio clienti attivo dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00 dal lunedì al venerdì
Kuadra AL63
Kuadra AL63

Kuadra AL63

KUADRA AL63 – Design senza età.  Ci sono prodotti per i quali sembra che il tempo si sia fermato, noti e meno noti che siano, riproducibili in qualsiasi epoca e sempre attuali, sembra siano appena stati pensati, anche se hanno 40 anni e più dalla loro prima prototipazione. Uno di questi è Kuadra AL63, disegnata nel lontano 1963 dal designer friulano Alfredo Simonit, classe 1937 e ancora attivo nell’area friulana della sedia. Kuadra AL63 partecipò nel 1963 al V° Concorso internazionale del mobile di Cantù ricevendo un importante riconoscimento, ma da allora mai nessuno si era più interessato a questo oggetto.

Bottega Progetto, un piccolo laboratorio di falegnameria friulano, ha deciso di produrlo in edizione limitata a soli 50 pezzi.  Quali sono le caratteristiche di Kuadra AL63: ha un ingombro di 84x84cm per un’altezza di 190cm, molto ridotto pur avendo una grande capacità contenitiva data dai suoi 16 contenitori da 40x40x40cm usufruibili su tutti e quattro i lati. Kuadra AL63 si presta a più utilizzi quali libreria o espositore. Realizzato in noce canaletto lavorato in biglia, questo oggetto saprà arredare e distinguersi in qualsiasi ambiente domestico o pubblico. La limited edition inoltre contribuirà ad acrescerne il valore nel tempo.

Note biografiche sul designer.  Alfredo Simonit nasce a Roman D’Isonzo in Friuli nel 1937, ha studiato all’Istituto statale d’Arte e Magistero artistico di Venezia e dal 1963 opera nel campo del design. La ricerca della qualità attraverso l’essenzialità, questa è la vocazione creativa di Alfredo Simonit. Lo scoprire la bellezza dentro l’armonia delle forme.  Interior e Product Designer, conclusi gli studi d’arte a Venezia, Simonit esordisce nel mondo dell’arredo ottenendo un premio al V° Concorso Internazionale del Mobile di Cantù del 1963, a cui seguiranno immediatamente altri riconoscimenti, tra cui quelli del Concorso Nazionale del Mobile della Fiera di Trieste (1965) e della Fiera di Roma (1965). (continua a leggere la biografia cliccando QUI)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Cart